Blog

Soia

ingrediente di bellezza per la pelle
Soia

La soia è uno tra i principali alimenti utilizzato in Asia da millenni. Si narra infatti, nella mitologia cinese, che il leggendario imperatore Shennong nel 2.853 a.C., aveva proclamato la pianta della soia “sacra”, per le sue proprietà benefiche.

Oggi tale alimento è utilizzato da miliardi di persone e nelle donne asiatiche il suo consumo è quattro volte superiore rispetto a quelle occidentali. Nell’ossessione planetaria per la bellezza, le donne asiatiche hanno conquistato sempre uno dei primi posti. Già dai tempi antichi esse avevano una particolare cura del proprio corpo.

L’antico segreto della soia

Dalla Cina alla Malesia, dalla Tailandia al Giappone, la bellezza era un valore fondamentale. Basta ricordare i volti di biacca delle geishe.

Le donne giapponesi, modello di eleganza, ricercavano la stessa attraverso una carnagione chiara e una pelle tonica, liscia e senza imperfezioni. Le donne dell’antica Cina, che lavoravano nei villaggi agricoli dove si produceva il latte di soia in maniera artigianale, mescolando la farina di soia ed acqua, erano conosciute per la bellezza delle loro mani, che sembravano mai invecchiare.

Ecco svelato uno degli ingredienti di bellezza, documentato da diverse ricerche scientifiche, che hanno associato alla soia numerosi benefici per la salute, e in particolare a favore del nostro organo più grande, la pelle.

Con l’avanzare dell’età, i livelli di collagene ed elastina, componenti strutturali della cute, tendono a ridursi, rendendo la pelle più sensibile alla formazione di rughe. Nelle donne, durante il periodo post-menopausale, si assiste ad un fisiologico calo della componente estrogenica, che comporta a livello cutaneo, una perdita dell’elasticità, dell’idratazione e della permeabilità cellulare.

Per rallentare questo processo, potrebbe essere consigliabile aumentare il consumo di soia e dei suoi derivati fermentati (quali tempeh, miso), che grazie ai principi alimentari e nutrienti, tra cui proteine, fibre ed isoflavoni, difende la naturale bellezza della pelle.

Le proteine aumentano la sintesi del collagene, che contribuisce alla compattezza, al tono e alla struttura cutanea. Le fibre della soia, aiutano a mantenere livelli sani di zuccheri nel sangue, e ad eliminare le scorie rendendo la pelle più tonica e depurata.

Gli isoflavoni della soia combattono la formazione delle rughe

Gli isoflavoni sono composti polifenolici contenuti in alta concentrazione nel germe di soia e tra le varie funzioni, svolgono un ruolo fondamentale per la bellezza e la salute della pelle. Inoltre, pur non essendo estrogeni, hanno la capacità di legarsi a specifici loro recettori, definiti recettori β (beta), fortemente espressi nello strato basale, spinoso dell’epidermide e componenti importanti per l’omeostasi di tutto l’organismo.

Esistono diversi trials clinici che hanno dimostrato, come gli isoflavoni riducano la presenza di rughe a livello cutaneo.

In una ricerca scientifica condotta da Draelos Z.D e collaboratori (1) su 40 donne in postmenopausa di età compresa tra i 50 e 65 anni, è stato constatato, come l’assunzione per tre mesi di 20 gr al giorno di proteine della soia ricche in isoflavoni, ha comportato una ridotta presenza di rughe facciali, una minore decolorazione cutanea e un aspetto generale della pelle migliore rispetto alle donne che non hanno seguito lo stesso tipo di dieta.

Un ulteriore studio effettuato in Giappone su 26 donne in premenopausa, ha evidenziato, come la somministrazione di 40mg al giorno di supplementi a base di isoflavoni, produca, rispetto al gruppo placebo, un decremento statisticamente significativo della presenza di rughe a livello del viso (2). Jenkins nel 2013 (3) in uno studio condotto su 159 donne in post-menopausa, ha rilevato l’esistenza, dopo assunzione di isoflavoni sotto forma di bevanda, di una stretta correlazione tra riduzione delle rughe cutanee e presenza di isoflavoni nella stessa.

Inoltre è da sottolineare l’azione protettiva della genesteina, il maggior isoflavone presente nella soia, che agisce sulla biosintesi del collagene, ed è capace negli animali e nell’uomo, di proteggere la pelle dalle radiazioni dei raggi ultravioletti (UV), che possono accelerare i meccanismi di invecchiamento cellulare.

La bellezza vien mangiando…in salute!

In particolare nell’uomo, grazie alla sua importante proprietà antiossidante, svolge un effetto barriera contro la formazione dell’eritema solare, riducendo anche l’infiammazione a livello cutaneo (4).

L’integrazione di isoflavoni, attraverso la dieta, è utile anche in fase adolescenziale, nel miglioramento dell’acne vulgaris (5), la malattia della pelle più comune tra i giovani (80%).

L’azione degli isoflavoni, sembra sia dovuta alla capacità di inibire l’ormone diidrotestosterone (DHT), l’androgeno più caratterizzante dell’acne, presente anche nelle donne, noto per influenzare l’ipersecrezione delle ghiandole sebacee, l’ipercheratinizzazione dei dotti pilosebacei e la formazione dei microcomedoni.

La soia, sotto forma di olio o di latte, viene utilizzata anche per la formulazione di prodotti per la detergenza, per il make-up e non a caso è l’ingrediente principale di lozioni antirughe e creme solari anti-età.

Con l’arrivo della primavera e delle prime giornate di sole, quale modo migliore per proteggersi dai raggi solari, arricchendo la propria dieta con pietanze a base di soia?

Quindi, in un’alimentazione corretta e varia, così in Asia che in tutto il mondo, non dovrebbero mai mancare fagioli di soia edamame, tofu, miso, germe di soia, ovvero ingredienti di bellezza ma anche di salute per la nostra pelle. La bellezza vien mangiando…in salute!

 

Dr.ssa Roberta Russo
Biologa Nutrizionista
S.C. Gastroenterologia e Epatologia – Azienda Ospedaliera di Perugia

 


Riferimenti bibliografici:

  1. Cosmet. Dermatol. 2007;20,202-204
  2. Izumi T. e coll; J.Nutr.Sci.Vitaminol;2007;53;57-62
  3. Int .J. Cosmet. Sci; 36;22-31
  4. Huang ZR, Hung CF, Lin YK, Fang JY. Int J Pharm. 2008; 364 : 36-44.
  5. Riyanto P et alt; 2015:dermato-endocrinology ,7:1